La pizza di Salvatore Palma con i prodotti stagionali dell’Orto conviviale di Sant’Anastasia

Era da tempo che desideravamo provare la pizza di Salvatore Palma, pizzaiolo classe ’89 di Sant’Anastasia che per condire le sue pizze utilizza solo prodotti che provengono dall’Orto Conviviale situato proprio accanto al suo locale “Pizz’Amore e fantasia”, materie prime di stagione, campane, a km zero.  L’obiettivo di Palma è valorizzare le specialità del territorio vesuviano e offrire un prodotto di qualità alla sua clientela. Il nostro percorso di degustazione è iniziato con fritture e bollicine, un binomio lanciato lo scorso anno che ha riscosso grandi consensi, delicatissime le frittatine a base di pasta di Gragnano, come la Classica con carne macinata, piselli e besciamella, la Cacio e Pepe, la Carbonara, la Amatriciana, la Pistacchiella e la Nerano con zucchine bio e speck di montagna. Ma passiamo al momento tanto atteso, l’assaggio delle pizze il cui impasto a lunga maturazione, circa trentasei ore, è realizzato secondo l’antica ricetta tradizionale: acqua, lievito e farina con un sapiente connubio. La prima pizza assaggiata ci ha conquistato immediatamente per la sua ricchezza di sapori, leggerezza dell’impasto e gustosità, parliamo della pizza “Papaccella” con fior di latte di Agerola, mozzarella di bufala campana, pomodoro San Marzano, pomodorino del Piennolo e naturalmente la papaccella che con la sua polpa dolce ed un profumo intenso si combina eccellentemente con gli altri ingredienti. Abbiamo continuato con l’assaggio della pizza “Puparulillo” con peperoncini verdi dolci dell’Orto Conviviale, salsiccia di maiale nero casertano, provola d’Agerola, formaggio e pepe, una superba alternativa estiva alla pizza "Salsiccia e friarielli", tanto amata da tutti. Infine, è arrivato il momento di un pizza tanto scenografica quanto buona, la “Vesuvio” che viene completata al tavolo dallo stesso Salvatore Palma che alla base di pasta di pizza con fior di latte, rucola e pomodoro datterino, aggiunge una cascata di prosciutto crudo di Parma affettata al momento, un bocconcino di mozzarella di bufala, olio e scaglie di Parmigiano Reggiano. Un vero piacere per la vista e poi per il palato. Per concludere in bellezza abbiamo scelto un tiramisù fatto in casa, ripromettendoci di assaggiare alla prossima occasione il richiestissimo cannolo scomposto con ricotta di capra fresca, cioccolato e granella di pistacchio.

 

 

Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina
© Travel and food with style | TUTTI I DIRITTI RISERVATI e-mail: info@travelandfoodwithstyle.com designed by VISIVO COMUNICAZIONE